Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Lunedì, 07 Agosto 2017

Dossier Cisl sulla previdenza 2017

Con il verbale di accordo del 28 settembre 2016 sembra essersi riaperto nel Paese il dialogo sociale sulle pensioni che mancava da molto tempo. Nel documento, siglato dal Governo con CGIL, CISL, UIL sono state previste alcune misure dirette a facilitare l’accesso alla pensione di migliaia di lavoratori.

 

Sette miliardi di euro nel bilancio 2017

Non è la flessibilità richiesta dai sindacati, le cui proposte avevano una portata più ampia, ma si tratta comunque di misure importanti, finanziate con 7 miliardi di euro, che sono state recepite nella legge di bilancio per il 2017. Nel Dossier Previdenza 2017 la Cisl intende fornire informazioni fondamentali per districarsi nel complicato mondo delle pensioni partendo dal document osiglato dal Governo con CGIL, CISL, UIL il 28 settembre 2016.

La prima parte dell’accordo

L’accordo consta di due parti, la prima di immediata applicazione, che comprende: 1) l’APE nelle sue tre forme di Ape volontario, Ape agevolato e Ape d’impresa; 2) la Rita, rendita integrativa temporanea anticipata; 3) il pensionamento dei lavoratori precoci in condizioni di disagio; 4) facilitazioni per l’accesso alla pensione in caso di lavori usuranti; 5) l’ampliamento del cumulo contributivo; 6) la definitiva eliminazione delle penalizzazioni in caso di pensione anticipata; 7) l’ampliamento della somma aggiuntiva (cosiddetta quattordicesima pensioni); 8) l’equiparazione della detrazioni dei pensionati a quella dei lavoratori.

La seconda parte dell’accordo

La seconda fase, invece, riguarda un ampio programma di lavoro per il futuro: dalla introduzione di una pensione di garanzia modulata in base ai contributi versati, ad interventi per il rilancio della previdenza complementare, ad una maggiore flessibilità per accedere alla pensione con il metodo contributivo, alla valorizzazione del lavoro di cura a fini previdenziali, alla possibilità di differenziare i coefficienti di trasformazione in base alle diverse aspettative di vita per lo svolgimento di lavori diversi, alla separazione tra previdenza e assistenza. In questi mesi sta proseguendo il confronto tra sindacati e Governo sulle norme di attuazione, passaggio molto delicato perché lo spirito con cui è stato firmato l’accordo rimanga intatto. Di tutto questo e di molto altro parleremo.


Scarica il dossier previdenza 2017